Giovani e sessualità, meno precoci ma anche meno consapevoli

Giovani e sessualità

Giovani e sessualità: aspettano in media fino ai 17 prima di avere il primo rapporto, ma sono meno consapevoli dei rischi

È una situazione di controtendenza rispetto a quanto avviene spesso, quella che riguarda i giovani di oggi ed il loro rapporto con la sessualità. Mentre, solo qualche anno fa, i primi rapporti sessuali avvenivano in età abbastanza precoce, oggi, in media, la tanto agognata e desiderata prima volta si verifica intorno ai 17 anni di età: sembra quindi avere una fine, il mito della sessualità precoce, con giovani un po’ più consapevoli ed attenti al primo passo sessuale, quello che, come un rito di passaggio, trasforma un “bambino” in una persona più matura e consapevole.

Giovani e sessualitàMaturi nelle concezioni e nelle sensazioni, i giovani di oggi appaiono però tuttora confusi in merito alla contraccezione. C’è più consapevolezza nella  volontà di difendersi da gravidanze indesiderate ma vige ancora la confusione sulle metodologie da utilizzare per proteggersi anche da malattie e infezioni a trasmissione sessuale: si conosce con più facilità una malattia come AIDS, ma si ha minore consapevolezza dei rischi legati ad altre Mts, come ad esempio il Papilloma Virus, un tumore poco noto ai ragazzi. Molti di essi, infatti, non sanno che attraverso rapporti intimi completi si possono trasmettere diverse malattie a trasmissione sessuale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *