Il fratello di Maria Paola nega di aver ucciso la sorella

E’ successo tutto qualche giorno fa in provincia di Napoli, precisamente ad Acerra. Un ragazzo ha ucciso sua sorella perchè, a quanto pare, non accettava che la ragazza fosse fidanzata con un trans.
Ora però il ragazzo avanti al giudice nega di aver ucciso Maria Paola. 

Maria Paola era una giovane ragazza campana ed era fidanzata con Ciro, un ragazzo trans.
Il fratello, Michele, avrebbe con la sua macchina rincorso la sorella con il fidanzato su una moto, per poi arrivare a fare un vero e proprio incidente tra i due. La ragazza è morta in quel momento mentre il fidanzato non ha riportato nessun danno grave.
Ora Michele è stato arrestato ma in queste ultime ore sta provando a scagionarsi dalla sua accusa.
Io non ho mai pronunciato quelle frasi e non ho speronato lo scooter’‘ afferma l’uomo accusato di aver provocato l’incidente nel quale è morta la sorella. Il giovane in queste ultime ore ha negato di aver pronunciato quelle parole ed ha aggiunto: «Volevo solo parlarle». In particolare ha respinto l’accusa di aver parlato di «infezione» riferendosi all’identità di genere del fidanzato.

Il fratello di Maria Paola poi ha cercato di sostenere la tesi che l’incidente sia stato causato dalla velocità.
A quanto pare questo tipo di versione non ha avuto nessun riscontro infatti il giovane è rimasto nella cella di Poggioreale.
Nell’ordinanza ufficiale di convalida dell’arresto si legge infatti che a bordo della sua moto ‘Michele le braccava obbligandole a mantenere una velocità sostenuta, ripetutamente speronandole, tentando di tagliarle la strada e colpendo il veicolo sul lato sinistro con ripetuti calci con il fine di procurare la caduta del mezzo’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi