Michelle Hunziker: ”Un uomo ha cercato di sfondare la mia porta”

Michelle Hunziker, famosa show girl italiana/svizzera ha lasciato ultimamente delle dichiarazioni che hanno spiazzato tutti.
Ma partiamo dal principio.
Michelle Hunziker è una bravissima presentatrice, vanta davvero una vastissima carriera, ha presentato Striscia la notizia per anni, All together now, paperissima sprint, Sanremo e tantissime altre cose.
Non solo, la donna è seguita da milioni di persone sui suoi account social ed ha anche un profilo su youtube in cui mostra i suoi allenamenti.
Allenamenti che si sono intensificati durante il lockdown tramite dirette ed appuntamenti social.

In queste ultime ore la donna ha rilasciato un’intervista ed ha parlato di come moltissime volte la vita l’ha messa alla prova.
Alcune sue dichiarazioni sono state davvero scioccanti.
”Ho vissuto alcune situazioni terribili nella mia vita. Mi ritengo una sopravvissuta. Per esempio c’è stato un episodio… Io ero in una casetta in affitto in viale Premuda, di fianco a un cinema a luci rosse ormai chiuso. Ero al piano terra, un monolocale con una porta e delle tapparelle qualsiasi, mica antisfondamento. Uno che era davanti al cinema chiuso una sera mi ha seguita, voleva entrare, cercava di sfondare la porta, diceva le cose peggiori. E io mi sono trovata seduta sul letto con un coltello in mano a pregare che non riuscisse a entrare. Poi c’erano delle persone che mi promettevano il mondo e volevano che andassi a letto con loro. Ho avuto ogni sorta di ricatto in cambio di ingaggi. Mi è capitato di tutto e di più. Però sono riuscita a non cadere in nessuna trappola”, ha affermato la showgirl.

Inoltre, il giornalista le ha chiesto come mai sorride sempre, e questa è stata la sua risposta: ”Ho sempre sorriso molto, spesso per timidezza o senso di inadeguatezza. La risata arriva dalla stessa ghiandola del pianto. Voglio dire che non dovete pensare che la risata sia sinonimo di superficialità. Ho un gran sorriso, ma conosco bene le lacrime, credetemi sono onesta nel dirvi questo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *