Oggi cerimonia in onore di Mario Amato

Quaranta anni fa, Mario Amato, giudice palermitano e procuratore della Repubblica di Roma, venne sparato alla nuca da due esponenti dei nuclei armati rivoluzionari.
Oggi a Roma, nel luogo esatto in cui è morto, si è tenuta una commemorazione.

Mario Amato è morto esattamente quaranta anni fa all’incrocio tra Viale Jonio e Monte Rocchetta. 
E’ proprio lì che oggi si è tenuta una commemorazione in suo onore, alla quale erano presenti Bonafede, Bergamo e Caudo, insieme ovviamente ai parenti e amici.
Alla commemorazione anche il figlio che ha speso qualche parola.
”E’ meschino e brutto. E’ immorale e vigliacco uccidere alle spalle un proprio simile senza nemmeno avere il coraggio di guardare negli occhi dell’altro, è un movimento avverso e contrario anche a quei principi democratici che difendono e comprendono le minoranze, che soni proprio il motivo per cui le minoranze fasciste ancora oggi hanno modo e libertà di espressione.” Queste furono le parole del figlio tempo fa.

Oggi ha voluto aggiungere qualcos’altro al suo discorso: ”raccogliamo il monito del presidente della Repubblica: l’unica fedeltà che si richiede a un servitore dello Stato è quella alla Costituzione e ai suoi principi”.
Anche Bonafede ha voluto esprimere la sua opinione a riguardo: ”Uno dei momenti più difficili che un ministro della Giustizia si trova ad affrontare è quando deve incrociare lo sguardo dei familiari di chi ha perso la vita per difendere lo Stato. Il loro senso delle istituzioni che li porta a ringraziare il ministro della Giustizia in questo momento presente con un dolore inguaribile e l’impossibilità di arginare una ferita che rimane aperta. Rimango stupito di venire ringraziato per la mia presenza.”
Con questo discorso super emozionante si conclude la commemorazione di oggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *